Travel Guide

Percorrendo le sue strade scenografiche si attraversa una miscela tra paesaggi spettacolari e cultura centenaria.

Situato nella regione storica di Cappadocia nell'Anatolia in Turchia centrale, si ritiene che il toponimo “Cappadocia” derivi dalla parola Katpadukya, ovvero “terra dei bei cavalli”.
La particolarità che consacra la valle di Goreme come meta irrinunciabile per chi ama i tour aerei in mongolfiera è quella di essere un’emozionante museo all’aria aperta. 

L'origine delle piramidi di Göreme è dovuta all'erosione di rocce vulcaniche depostosi a seguito di eruzioni di due vulcani, per questo, i suoi paesaggi lunari sono pieni di cavità e grotte, sia naturali che artificiali.
La formazione geologica tipica, il tufo, ha subito l'erosione per milioni di anni, acquisendo cosi forme assai insolite.
Il tufo è abbastanza tenero per permettere all'uomo di costruire le sue abitazioni ricavate dalla roccia, dando vita a insediamenti rupestri, piuttosto che a edifici innalzati da terra, ancora molti di questi continuano ad essere frequentati e abitati ancora oggi.
Queste costruzioni fecero diventare cosi l'intera regione uno straordinario universo rupestre sotterraneo con ben 365 edifici tra chiese, cappelle, monasteri alcuni dei quali internamente decorati con affreschi e molto altro.
I rifugi, alcuni ancora oggi visitabili, sono progettati in modo da poterci vivere per molti mesi, hanno un'area di 650 metri quadrati su 3 livelli nel sottosuolo di cui la profondità massima è stimata intorno agli 85 metri.
La posizione geografica ha fatto per secoli della Cappadocia un crocevia di rotte commerciali, oltre che l'oggetto di ripetute invasioni, proprio per questo motivo gli abitanti della regione costruivano questi rifugi sotterranei.
Inoltre, la città, era connessa con altre città sotterranee, attraverso chilometri di lunghi tunnel.
I luoghi più notevoli sono il museo a cielo aperto di Göreme, la valle di Zelve, Peribacalar Vadisi (Valle dei camini delle fate), valle dei Soganli, le città sotterranee di Derinkuyu, Kaymakli, Mazi e Acigöl, a questo si aggiungono numerose magnifiche chiese.
Il Parco Nazionale di Göreme e siti rupestri della Cappadocia fnno parte del patrimonio dell'umanità dell'UNESCO dal 1985.

Foto dal web

Foto di SashSegal da Pixabay 
 
Foto di Hans Braxmeier da Pixabay 
 
Foto di VladoZg da Pixabay 
 
 
 
 

Orari e Contatti

Lunedì - Venerdi

09:30 - 12:30 / 15:30 - 19:00

Sabato

10:00 - 12:30

Emergenze in viaggio:

+39 3478028030