News

Le notizie per viaggiare tranquilli e sicuri

Novità intorno a noi

vediamo cosa sta succedendo intorno a noi.

La situazione rimane invariata in Italia.

Molti aspetti del lockdown del coronavirus sono diminuiti in Inghilterra.
Dal 10 luglio, i viaggiatori provenienti da oltre 50 paesi tra cui Francia, Spagna, Germania e Italia non dovranno più mettersi in quarantena per due settimane quando arrivano in Inghilterra.

In Nord Africa, l’Egitto, dal 1°luglio ha riaperto i suoi confini e ai turisti non sono richieste né quarantena né test. La mascherina protettiva è comunque obbligatoria. Una multa di 4.000 EGP viene comminata ai trasgressori.

In Medio Oriente, la Giordania ha iniziato a mettere i braccialetti elettronici sabato scorso ai viaggiatori arrivati di recente ​​nel Paese per assicurarsi che osservino la quarantena in casa. Le persone che arrivano nel Paese devono isolarsi per 14 giorni negli hotel designati dalle autorità sulle rive del Mar Morto, a ovest della capitale Amman.
Dopo tale periodo, devono auto-isolarsi per altri 14 giorni a casa. I suoi aeroporti riapriranno alla fine di luglio, consentendo ai turisti provenienti da un numero limitato di paesi di visitare il regno. Alla Giordania è stato conferito il marchioSafe Travelsdal World Travel and Tourism Council in riconoscimento dei rigorosi protocolli di igiene e sicurezza che il Paese ha messo in atto.

In Nord America, nessun cambiamento significativo per il Canada. Negli Stati Uniti, alcuni stati hanno fatto un passo indietro mentre altri continuano ad allentare le restrizioni.

La riapertura continua in America Latina, nonostante il rischio di virus. Il numero di voli da/per il Messico è aumentato nelle ultime settimane; la quarantena non è obbligatoria all'arrivo. Il Paese non è stato incluso nell'elenco dei 15 "Paesi sicuri" emesso dal Consiglio dell'UE. Scenario ancora critico in Brasile.
Situazione molto diversa nelle piccole città e in campagna dove il virus si è diffuso fortemente e nelle grandi città come San Paolo e Rio de Janeiro che hanno registrato un indice R0 inferiore a 1. Pertanto, i sindaci dei loro comuni hanno deciso di passare alla terza fase revocando le restrizioni.

In Asia, il governo indiano ha esteso il blocco a livello nazionale nelle zone rosse fino al 31luglio a causa del costante aumento dei casi di coronavirus. La situazione è stabile in Giappone.

Fonte: Alitalia

Questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Per maggiori informazioni clicca qui.

Se sei d'accordo continua a navigare.